Wednesday, February 25, 2009

Un famoso ministro italiano ed il caso Skype

E' da un pochino che non scrivo su questo blog, volevo solo fare un appunto sull'attuale richiesta da parte di un "famoso" ministro Italiano verso una nota azienda estone che si occupa di un arcinoto software di IM/VOIP.

Per i non addetti ai lavori stiamo parlando di Skype. Ora questo ministro di cui non facciamo il nome, ha deciso di chiedere alla sopraddetta azienda di fornire i dettagli degli algoritmi usati per criptare il traffico dal momento che ne va della nostra sicurezza nazionale. Credo che tale ministro abbia seguito troppi telegiornali, i quali propugnano la notizia che tutti i terroristi ( forse anche la nostra mafia, ma tale notizia è ancora da dimostrare ;) ) fanno uso di Skype dal momento che le comunicazioni sono crittografate.

Ammettiamo per assurdo che l'asserto

Tutti i terroristi usano Skype

sia fondato, mi chiedo: anche ammesso che, il ministro riesca ad ottenere una backdoor all'interno di Skype o il codice dell'algoritmo usato per crittografare le comunicazioni, la notizia verrà ovviamente comunicata a mari e monti. Davvero lui crede che i terroristi saranno così stupidi da continuare ad usare lo stesso software o passeranno a soluzioni alternative?

Ai posteri l'ardua sentenza.

P.S.: La politica italiana è allo sfacelo, e c'è ancora chi pensa a difendere a spada tratta cause prive di alcun senso e sperperare il nostro denaro.

P.P.S.: per chi non sapesse chi è il ministro in questione, la risposta può essere facilmente trovata nel seguente modo:
  1. Aprite un nuovo tab/finestra nel vostro browser perferito (che spero non sia IE)
  2. Digitate: www.google.it
  3. Nella casella bianca al centro scrivete: Ministro italiano contro skype
  4. Cliccate sul primo link
  5. Se il nome che ottenete fa rima con c***ioni allora siete sulla giusta strada ;)